La Rivista dell'associazione dal 2018 è pubblicata esclusivamente online, consentendo una maggiore flessibilità editoriale e la riduzione dei tempi di pubblicazione degli articoli, una volta che siano stati approvati dalla Redazione. La rivista è suddivisa in due sezioni: Lavori originali e Informazione & documentazione. Quest’ultima contiene tre rubriche: Esperienze, per resoconti, dibattiti, note tecniche e opinioni su varie tematiche della biologia ambientale, nonché sintesi di lavori già pubblicati; CronacAmbiente, per servizi e inchieste che riguardano svariati comparti ambientali, temi della sostenibilità ambientale, interviste a persone impegnate nella tutela dell'ambiente e divulgazione di buone pratiche comportamentali; Recensioni, per segnalazioni ragionate di testi di particolare interesse o attualità per la biologia ambientale. I riassunti degli articoli e le recensioni sono liberamente consultabili; i Soci registrati possono accedere e scaricare gli articoli completi, e a fine anno, l'intero numero in formato PDF.

Ultime pubblicazioni

Come monitorare l'ambiente con i nematodi di Aldo Zullini

A completamento del manuale per il riconoscimento dei generi di nematodi d'acqua dolce pubblicato dal CISBA nel 2021, l'articolo spiega come eleborare i dati raccolti e capirne il significato. Partendo da un sunto di concetti di base quali la ricchezza in specie o la diversità, presenta interessanti indici basati su tali microinvetebrati.

Plastica: una grande famiglia fra chiari e scuri di Rossella Azzoni e Riccardo Spaggiari

Oggi la plastica è il terzo materiale umano più diffuso sulla Terra: le microplastiche presenti negli ambienti acquatici così come le isole di plastica oceaniche destano sempre maggior preoccupazione. Numerose sfide sono però in atto: dal recupero/riciclo alla sintesi di materiali ambientalmente più sostenibili, fino alla bonifica in acqua.

Iscriviti al CISBA per leggere Biologia Ambientale on line

L'acqua per il recupero del clima. Un nuovo paradigma dell'acqua

Un nuovo supplemento a Biologia Ambientale 2021, stampato su carta e inviato ai soci CISBA, viene reso disponibile a tutti in formato PDF poiché ritenuto utile per quei movimenti e quelle persone che chiedono azioni concrete per contrastare il riscaldamento globale e il cambiamento climatico.
Il nuovo paradigma dell'acqua è stato concepito da un team di autori il più noto dei quali è Michal Kravčík, ambientalista slovacco insignito nel 1999 del Goldman Prize e sostenitore dell'esistenza di un legame causale fra il drenaggio delle acque (urbanizzazione, agricoltura intensiva, regimazioni fluviali, deforestazione) e i cambiamenti climatici.

Il volume, che rappresenta la traduzione ragionata del testo del 2007, propone contenuti rimasti sconosciuti non solo al grande pubblico ma anche ai movimenti per il clima: il riscaldamento globale e l'incremento degli eventi meteorologici estremi possono essere contrastati non solo riducendo le emissioni climalteranti ma anche – e forse più rapidamente – con misure finalizzate a trattenere le acque piovane nei suoli.

Scarica il pdf qui: Kravčík_Un nuovo paradigma dell'acqua

   

 

 Kravcic paradigma

 

   

 

NEMATODI DI ACQUA DOLCE

Manuale di identificazione al genere e metodi di raccolta

Il CISBA propone un nuovo e interessante strumento operativo per il riconoscimento dei nematodi. I vermi cilindrici a vita libera nelle acque sono organismi di grande successo ecologico ed evolutivo e sono buoni indicatori ambientali; sono importanti nel processo di mineralizzazione del sedimento contribuendo al riciclo della sostanza organica, e sono fonte di cibo per gli organismi macrobentonici. Il manuale edito dal CISBA è stato realizzato dal professor Aldo Zullini, nematologo di fama internazionale, ed è pubblicato in formato PDF come supplemento di Biologia Ambientale. Per facilitare l'individuazione dei dettagli anatomici di importanza diagnostica, il manuale fornisce oltre 1300 illustrazioni e numerosi accorgimenti grafici: esso rappresenta quindi un prezioso strumento per l'approccio allo studio dei nematodi di acqua dolce a livello non specialistico, favorendo l'impiego di questi organismi nel monitoraggio biologico dell'idrosfera.

   

 

  

  BA 2021 Zullini icoMini